Home/Opere/Lastra e stampa raffiguranti Francesco Giuseppe I Imperatore d’Austria, Re di Ungheria, Boemia, Lombardia, Venezia
Autore: Carlo Raimondi (Bocche di Cattaro, 1809 - Parma, 1883)

Lastra e stampa raffiguranti Francesco Giuseppe I Imperatore d’Austria, Re di Ungheria, Boemia, Lombardia, Venezia

Datazione

1852 ca.

Tipo

Matrici per Incisioni

Inventario

2926

Tecnica

acquaforte

Descrizione

Sotto al ritratto si leggono, specchiate, le attribuzioni di responsabilità “Francesco Hayez dip. – Carlo Raimondi dis. ed inc.” e il titolo “Francesco Giuseppe I/ Imperatore d’Austria, Re d’Ungheria, Boemia, Lombardia, Venezia, ecc, ecc, ecc.”, sovrastante l’indicazione “Frassinetti impresse”.
L’incisione è tratta da un dipinto di Francesco Hayez (Venezia 1791-Milano 1882) ora disperso, di cui rimane una copia di proprietà dell’Accademia di Brera esposta al Civico Museo del Risorgimento di Milano.

Misure

S.C.: cm 53,5×76
C.C.: cm 62x85x4,5

Stato Conservazione

La lastra presenta segni di ossidazione e attacchi di agenti chimici, mentre la stampa è caratterizzata da una diffusa ma leggerissima puntinatura. Nella cornice di mezzo si nota una sottile crepa che percorre l’intero perimetro.

Osservazioni

In cornice apribile di legno dipinto e intagliato, chiusa da due gancini sui lati. Come per le lastre giunte al museo con la stessa acquisizione (invv. 2927 e 2928), la cornice presenta due aperture sovrapposte, con la lastra in primo piano e il secondo destinato alla stampa derivata.
In Museo si conservano anche un altro esemplare della definitiva stampa (inv. 1509), una prova di stato (inv. 1510) e un acquerello preparatorio del volto (inv. 299), firmato e datato al 1851. Considerando che il dipinto originale fu consegnato da Hayez all’imperatore nel 1852, si può supporre che Raimondi avesse già preso accordi per la traduzione a stampa, cominciando a lavorare alla sua preparazione anche prima che il dipinto fosse completo. L’incisione di Raimondi è l’unico modo per conoscere alcuni dettagli dell’opera originale che nella replica ora a Milano, lavoro di Hayez e bottega, non sono presenti: mancano infatti lo stemma asburgico in alto e la decorazione del tappeto, le dimensioni del tavolino sono ridotte e soprattutto nello sfondo è stata sostituita Villa Reale con la chiesa viennese di Santo Stefano.

Acquisizione

2022

Provenienza

Collezione prof.ssa Margherita Trucco

Collocazione

Deposito temporaneo