Home/Opere/Lastra incisa raffigurante Benjamin Franklin
Autore: Carlo Raimondi (Bocche di Cattaro, 1809 - Parma, 1883)

Lastra incisa raffigurante Benjamin Franklin

Tipo

Matrici per Incisioni

Inventario

2928

Descrizione

Lastra in acciaio incisa, riproducente un dipinto di Giacomo Touron. Sotto il busto è l’indicazione, specchiata, “B. FRANKLIN”.

Misure

S.C.: cm 13,6×18,2
C.C.: cm 22,3x26x5x4,5

Stato Conservazione

Molto buono; graffi lungo i bordi smussati della lastra.

Osservazioni

In cornice apribile di legno dipinto e intagliato, chiusa da un gancino sul fondo. Come per le lastre giunte al museo con la stessa acquisizione (invv. 2926-2927), la cornice presenta due aperture sovrapposte, con la lastra in primo piano e il secondo destinato alla rispettiva stampa; in questo caso, tuttavia, l’ultimo livello non accoglie la stampa corrispondente, evidentemente non reperita. Un ritratto di Raimondi raffigurante Franklin è già presente nelle collezioni del Museo (inv. 1411), derivato però da una matrice identica ma in rame, anch’essa proprietà del Museo Lombardi (inv. 2166), nella quale si legge l’iscrizione che ne segnala l’attribuzione di responsabilità a Raimondi e ne precisa la derivazione dal dipinto su smalto realizzato da “Giacomo Touron”, ovvero lo svizzero Jacques Thouron (1740-89), all’epoca di proprietà del marchese Girolamo d’Adda in Milano. Di quest’opera su smalto rimangono diverse repliche, di cui due al Louvre (un tempo assegnate allo stesso Thouron, ora a Jean-Baptiste Wyler) e altre segnalate in collezioni private (ad esempio la collezione Carson nel 1971); non sappiamo la sorte del ritratto in possesso del marchese D’Adda, di cui conosciamo invece la grande ammirazione per Franklin, di cui redasse anche una biografia.
L’insolita scelta di due lastre in materiale diverso per lo stesso soggetto potrebbe essere motivata dall’utilizzo di questo ritratto, replicato fin dalla sua creazione nel secondo Settecento, in qualche volume a stampa, dal momento che l’acciaio permette di ottenere un altissimo numero di copie mantenendo una qualità costante; si giustificherebbero in tal modo anche lo scorcio della didascalia e la tecnica su acciaio, di cui non si conoscono altre prove attribuite a Raimondi.

Acquisizione

2022

Provenienza

Collezione prof.ssa Margherita Trucco

Collocazione

Deposito temporaneo