Home/Opere/Bicchiere da viaggio con monogramma “ML” e relativa custodia

Bicchiere da viaggio con monogramma “ML” e relativa custodia

Datazione

I metà XIX secolo

Tipo

Vetri e Ceramiche

Inventario

2651

Materiale

cristallo

Descrizione

Bicchiere in cristallo molato trasparente con orlo arrotondato, parete liscia verticale nella parte alta e sfaccettata nella parte inferiore fino alla base; fondo piatto. Sulla parete, nella zona superiore, si trova inciso il monogramma “ML” sormontato da corona.

Misure

Bicchiere: diametro massimo cm 7,4; altezza cm 8,2
Custodia: diametro massimo cm 9,5; altezza cm 12,3

Stato Conservazione

Buono; si nota una sottilissima crepa trasversale sulla parete e diversi piccoli graffi sulla base.
La custodia, pervenuta al Museo assai disidratata e oggetto di numerosi attacchi xilofagi, è stata restaurata da Opus Restauri a gennaio-febbraio 2014.
L’intervento ha visto trattamento antitarlo con permetina, stuccatura delle gallerie di tarlo con cera da mobili in stick, stesura di glicole polietilenico (peg) e infine cera nera.

Osservazioni

Il bicchiere è pervenuto al Museo unitamente alla custodia originale in pelle nera, internamente rivestito in seta rossa e pelle.
Il servizio di bocca della corte di Maria Luigia arrivò a contare negli ultimi anni quasi 8.500 pezzi tra cristalli e vetri, divisi in serie di differente qualità ordinate prevalentemente in Austria o alternativamente in Francia; al contrario di altri pezzi presenti nelle collezioni Lombardi, questo esemplare doveva appartenere, considerando la decorazione più semplice, alle stoviglie di utilizzo quotidiano, mentre quelle in cristallo lavorato venivano riservate a occasioni particolari.
La forma squadrata e i bordi spessi che caratterizzavano la maggior parte dei bicchieri ben evidenziano le scelte della corte, che evidentemente prediligeva la funzionalità alla eccessiva ricercatezza formale.

Acquisizione

Donazione famiglia Guevara Ferrari (gennaio 2014)

Provenienza

Giunto alla famiglia Ferrari dalla contessa Bianca Maria Del Bono (PR), che lo donò alla signora Ada Borelli in Ferrari (madre della donatrice Simonetta Ferrari) essendo sua cugina acquisita e a lei molto legata.

Collocazione

Sala Dorata, bacheca 3

Note Bibliografiche

M. ZANNONI, “A tavola con Maria Luigia. Il servizio di bocca della Duchessa di Parma dal 1815 al 1847”, Parma, Artegrafica Silva 1991.
F. SANDRINI (a cura di), “Napoleone in caricatura”, Parma, Graphital 2015, p. 149 [ill.].
F. SANDRINI, “La cucina ‘intima’ di Maria Luigia nel carteggio con la figlia Albertina”, in G. GONIZZI (a cura di), “La cucina nel ducato di Maria Luigia 1816-1847”, Parma, Arti Grafiche Parma 2016, ill. p. 73.
A. MERLOTTI, S. GHISOTTI, C. GORIA (a cura di), Sovrani a tavola. Pranzi imbanditi nelle corti italiane (catalogo della mostra), Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale 2023, pp. 269-270 [ill.].

Esposizione

Parma, Museo Glauco Lombardi, “La tavola di Maria Luigia”, 10 dicembre 2016 – 19 febbraio 2017
Venaria Reale (TO), “Sovrani a tavola. Pranzi imbanditi nelle corti italiane”, 28 settembre 2023-28 gennaio 2024