Home/Opere/Medaglia di Sant’Elena
Autore: Désiré-Albert Barre (Parigi, 1818 - Parigi, 1878)

Medaglia di Sant’Elena

Datazione

1857-1870

Tipo

Numismatica

Inventario

1582

Vecchio Inventario

340

Materiale

bronzo dorato e tessuto

Descrizione

D / “NAPOLEON I EMPEREUR”. Vi è rappresentata la testa di Napoleone, con il volto a destra. R / “CAMPAGNES DE 1792 A 1815 / A / SES / COMPAGNONS / DE GLOIRE / SA DERNIERE / PENSEE / S.TE HELENE / 5 MAI / 1821”.
La medaglia, dotata di un anellino entro cui passa il nastro composto da sette strisce rosse alternate a sei strisce verdi, è contenuta entro la sua scatolina originale di cartone bianco, su cui è impressa a secco l’effigie di un’aquila coronata insieme alla dicitura: “AUX / COMPAGNONS / DE GLOIRE DE / NAPOLEON Ier / DECRET IMPERIAL / DU 12 AOUT 1857”.

Misure

cm 5,1 x 3,1

Stato Conservazione

Buono

Osservazioni

In Museo si conservano due identici esemplari, uno privo di scatola (inv. 2459) e uno montato entro cornice (inv. 2924).
La médaille de Sainte-Hélène (Medaglia di Sant’Elena) fu una medaglia concessa dal secondo impero francese per onorare quanti avessero combattuto negli eserciti napoleonici partecipando alle battaglie del primo impero francese.

Collocazione

Salone; tavolo bacheca 2

Note Bibliografiche

M. PELLEGRI, “Il museo Glauco Lombardi”, Parma, Battei 1984, p. 140.
F. SANDRINI, “Le medaglie del Museo Glauco Lombardi: presenze e assenze in una collezione in divenire”, in “Notiziario del portale numismatico dello Stato” n. 12 – 2018 (atti dell’Incontro di studio “Medaglieri italiani: sistema museale e identità nazionale…” dell’11 maggio 2018), pp. 48-57: p. 55.
A. BORGHINI, “I reduci della Grande Armée, le loro associazioni filantropiche e mutualistiche e la medaglia di Sant’Elena”, in F. SANDRINI (a cura di), “Napoleone 1821. La morte di Bonaparte: scenari, reazioni, conseguenze nel ducato di Parma”, Parma, STEP 2021, pp. 142-151 [ill. p. 147].

Esposizione

Parma, Museo Glauco Lombardi, “Napoleone 1821. La morte di Bonaparte: scenari, reazioni, conseguenze nel ducato di Parma”, 5 maggio-26 settembre 2021