Home/Opere/Braccialetto appartenuto a Maria Luigia con corniola incisa e capelli di Albertina Montenuovo
Autore: Orafo viennese (?) ( - )

Braccialetto appartenuto a Maria Luigia con corniola incisa e capelli di Albertina Montenuovo

Datazione

1820-1825

Tipo

Opere d'Oreficeria

Inventario

1561

Vecchio Inventario

465

Descrizione

Il braccialetto presenta una fascia formata dai capelli intrecciati di Albertina Montenuovo Sanvitale, trattenuta alle estremità dai due elementi in oro della chiusura a scatto, ornati da motivi vegetali in oro cesellato e smalto nero e da sei turchesi. La chiusura in origine era inserita nella montatura d’oro di una grossa corniola incisa, contornata da un motivo a ovali d’oro sormontati da foglie di vite in smalto nero e intervallati da turchesi; la pietra è stata in epoca successiva trasformata in spilla.
La grande pietra rettangolare porta incise su tre righe le seguenti frasi: “Al-Baaqi Haadi/Chasmeh neshaatat maftooh baad/Tavakolli Ali khaaleghi“, da tradursi, con minima approssimazione, come: “Eterna guida/Possa la sorgente della tua felicità essere aperta/Io dipendo unicamente da Ali mio creatore”; la prima e la terza riga risultano scritte in arabo, mentre quella centrale è nella lingua persiana chiamata Farsi-e dari.

Misure

cm 20,7 x 5

Stato Conservazione

Buono

Osservazioni

In astuccio originale di marocchino rosso è internamente rivestito in raso e velluto di seta, su cui è stampigliato in oro il numero di inventario: “B 104”, ove la lettera “B” indicava i monili di utilizzo quotidiano posseduti dalla duchessa.
Maria Luigia manifestò più volte apprezzamento per gioielli con talismani, tanto da indossarli lei stessa e da inviarli in dono alle amiche, soprattutto per il loro valore di portafortuna; lo stesso Neipperg portò fino alla sua morte un “braccialetto composto di una catena e chiusa con corniola incisa a caratteri arabi” passato poi alla figlia Albertina Montenuovo, che lo volle testare unitamente a un anello con corniola incisa al fratello Guglielmo (Museo Glauco Lombardi, Archivio Sanvitale, cont. 89, fasc. 6/1).
Nel dipinto di anonimo parmense conservato in Museo (inv. n. 497) è visibile al braccio della duchessa il presente braccialetto, abbinato ad analoga cintura, ora probabilmente dispersa.
Il cinturino non è costituito dai capelli intrecciati di Maria Luigia, come erroneamente ritenuto in passato, bensì da quelli della figlia Albertina, come espressamente dichiarato da Maria Luigia nel legato testamentario con il quale il gioiello viene lasciato in eredità a M.me Zode, nata De Pury (Museo Lombardi, Archivio Sanvitale, cont.93, fasc.3/3); la datazione si colloca perciò tra i primi anni di Albertina, nata nel 1817, e l’inizio degli anni Venti, epoca del citato dipinto.

Acquisizione

Il gioiello era parte della più volte citata eredità Sanvitale.

Provenienza

Il braccialetto fu testato da Maria Luigia a M.me Zode; da questa passò ad Albertina Sanvitale (le fu lasciato dall’istitutrice alla sua morte nel 1860, cfr. lettera di Louis de Pury ad Albertina Sanvitale, Neuchatel 23 giugno 1860, in Archivio di Stato di Parma, arch. Sanvitale, busta 918 B), che lo destinò in eredità al figlio maggiore Alberto.

Collocazione

Salone; tavolo bacheca 4

Note Bibliografiche

L. FARINELLI, “Maria Luigia duchessa di Parma”, Milano, Rusconi 1983, pp. 110-111.
G. GODI e G. CARRARA, “Fondazione Museo Glauco Lombardi”, Parma, Step 1984 (1994), pp. 46-48.
M. PELLEGRI, “Il museo Glauco Lombardi”, Parma, Battei 1984, p. 206.
AA.VV., “Gioielli. Moda, magia, senitmento” (catalogo della mostra), Milano, Mazzotta 1986, p. 64.
L. LENTI e M.C. BERGESIO, “Dizionario del gioiello italiano del XIX e XX secolo”, Torino, Allemandi 2005, pp. 170-171.
M.R.OMAGGIO, “Il linguaggio dei gioielli”, Milano, Zelig 2001, pp. 30-31.
“Museo Glauco Lombardi”, Milano, TCI 2003, p. 56.
F. SANDRINI, “I gioielli di Maria Luigia”, Parma, MUP 2009, p. 56 [ill. p. 49], scheda pp. 176-179.
F. SANDRINI (a cura di), “Albertina, la figlia di Maria Luigia d’Asburgo. Vita, pensieri, segreti”, Parma, Grafiche STEP 2017, p. 28.

Esposizione

Milano, Museo Poldi Pezzoli, “Gioielli. Moda, magia, sentimento”, 26 settembre-2 novembre 1986
Parma, Museo Glauco Lombardi, “Albertina, la figlia di Maria Luigia d’Asburgo. Vita, pensieri, segreti”, 9 dicembre 2017-18 marzo 2018